Aggiornato alle di

domenica 25 aprile 2021

La petizione più pazza del mondo

Cari amici, chi dice che la politica è complicata, difficile, forse è nel vero.

Ma di sicuro sbaglia chi dice che è noiosa, che non è divertente. Eresia!

La politica può essere divertentissima. Una prova? La petizione on line lanciata da un partito che sostiene il governo di super Mario Draghi (il presidente del consiglio senza il quale saremmo tutti TERRORIZZATI).

Questa petizione, che chiede l’abolizione del coprifuoco, ha scatenato una ridda di commenti assai spassosi. Ne riportiamo solo alcuni a mo’ di esempio.

Innanzitutto, un politico di un altro partito ne ha approfittato subito per azzupparci la fresella e, sulla falsariga del nun famo a cojonasse, ha scritto: “Un partito di maggioranza che raccoglie firme contro decisioni del governo di cui fa parte. No. Così non va”.




Il successivo commento andava nella direzione del puro buon senso: “Questa petizione di un partito che, in palese opportunismo, tiene organicamente il piede in due scarpe in attesa di elezioni in cui raccogliere i benefici sia del governo che dell’opposizione. Il chiarimento subito”. (non sfugga anche la parte comica: “il chiarimento subito”).

Per finire, un’osservazione che ci è assai piaciuta per tutti i frizzi e i lazzi che ha scatenato: “Commette l’errore di sempre: l’insensato coprifuoco va cancellato PUNTO. In primis proprio perché INSENSATO e poi perché se si pone la condizione ‘dove il virus sia sotto controllo’, si ammette implicitamente che altrove non lo è (errore perché dipende da un parametro INSENSATO)”.

Insomma, amici, non avevamo ancora esaurito le risate per l’opposizione al coprifuoco che, invece di dire semplicemente NO, mercanteggiava un “potremmo fare le 23 invece delle 22”,  che la super mossa strategica della chiamata al popolo per la firma della petizione tattica, ha aggiunto altro buonumore, del quale siamo parecchio grati.